Homepage Università di TriesteHomepage Università di Trieste

Le nanotecnologie per la teranostica

 

24 Ottobre, 2018

Le nanotecnologie per la teranostica: due pubblicazioni del gruppo MolBNL @UniTS del Dipartimento di Ingegneria e Architettura su PNAS e JACS

La teranostica è un concetto innovativo in medicina basato sull’integrazione di diagnosi e terapia attraverso l’uso delle nanotecnologie. La combinazione di diagnostica e terapia permette di fornire al medico un trattamento ottimale e individuale del paziente già dalle prime fasi della malattia. Come conseguenza, il paziente può beneficiare di un’assistenza terapeutica personalizzata e un migliore, tempestivo e più efficiente trattamento della terapia stessa.

In questo campo di ricerca, inerentemente multidisciplinare, il gruppo afferente al Molecular Biology and Nanotechnology Laboratory (MolBNL @UniTS), attivo presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura e che annovera tra i suoi componenti il prof. Maurizio Fermeglia, attuale Magnifico Rettore, ha appena pubblicato – nell’ambito della collaborazione con altri gruppi di ricerca - due importanti contributi su due riviste di eccellenza quali Proceedings of the National Academy of Science of the United States of America (PNAS) e The Journal of the American Chemical Society (JACS).

Nel primo lavoro, pubblicato su PNAS, è stato sviluppato un nanosistema autoassemblante per la diagnostica non invasiva per immagini in campo oncologico, in particolare quelle basate sulla tomografia ad emissione di positroni (PET). Queste nuove particelle, prive di effetti tossici, sono in grado di accumularsi in maniera rapida e specifica nella lesione tumorale permettendo l’ottenimento di immagini specifiche, nitide e particolarmente efficaci anche di alcuni tipi di tumori che ad oggi non sono evidenziabili usando gli agenti di contrasto correntemente impiegati nella pratica clinica.

Nel secondo lavoro, apparso su JACS, è stato progettato, sviluppato un nanovettore autoassemblante specificatamente funzionalizzato per colpire cellule tumorali e bloccarne la proliferazione attraverso la tecnica di gene silencing, ovvero lo “spegnimento” dei geni coinvolti nella crescita di tali cellule. I risultati hanno dimostrato che il nuovo sistema possiede, rispetto agli agenti a base nanotecnologica attualmente disponibili, un’efficacia antitumorale superiore non accompagnata – aspetto questo molto importante – da fenomeni di tossicità o infiammazione.

«Collaboriamo in questo campo con la Dr. Peng, Direttrice del CNRS di Marsiglia, da tanti anni e con grandissima soddisfazione», spiega la Prof.ssa Pricl del DIA. «In questo caso», continua la docente, «sono particolarmente fiera che parte di questi risultati importanti, sia in fase di progettazione che di caratterizzazione di questi sistemi, provengano dal nostro laboratorio, e in particolare siano il frutto del lavoro di due giovani che appartengono al MolBNL @UniTS, il Dr. Erik Laurini e il Dr. Domenico Marson, attualmente RTDb e post-doc press il DIA».

Informazioni editoriali:

Self-assembling supramolecular dendrimer nanosystem for PET imaging of tumors
Philippe Garrigue, Jingjie Tang, Ling Ding, Ahlem Bouhlel, Aura Tintaru, Erik Laurini, Yuanyu Huang, Zhenbin Lyu, Mengjie Zhang, Samantha Fernandez, Laure Balasse, Wenjun Lan, Eric Mas, Domenico Marson, Yuhua Weng, Xiaoxuan Liu, Suzanne Giorgio, Juan Iovanna, Sabrina Pricl, Benjamin Guillet, and Ling Peng
Proceedings of the National Academy of Science of the USA (PNAS), published ahead of print October 22, 2018, https://doi.org/10.1073/pnas.1812938115

A dual targeting dendrimer-mediated siRNA delivery system for effective gene silencing in cancer therapy
Yiwen Dong, Tianzhu Yu, Ling Ding, Erik Laurini, Yuanyu Huang, Mengjie Zhang, Yuhua Weng, Shuting Lin, Peng Chen, Domenico Marson, Yifan Jiang, Suzanne Giorgio, Sabrina Pricl, xiaoxuan Liu, Palma Rocchi, and Ling Peng
J. Am. Chem. Soc., Just Accepted Manuscript - Publication Date (Web): October 22, 2018 - https://doi.org/10.1021/jacs.8b10021

 

Teranostica